Crea sito
RSS

Eeebuntu 4.0 beta1: sarà questa la distribuzione killer per i netbook?

11 Febbraio 2010

Eeebuntu - Aurora, Gnome

Eeebuntu-64

Ebbene ci siamo, o meglio manca poco… Eeebuntu presenta in questi giorni la propria beta1 del prodotto finale che sarà la versione 4.0. Basata su Ubuntu 9.10, vuole però differenziarsi nettamente e rappresentare la distribuzione orientata al netbook (e l’eeepc in particolare) per antonomasia.
Vediamo se ciò può rappresentare la realtà per questo prodotto, andando a provare via pen drive la distribuzione live.

Il torrent da ben 788MB è disponibile da: http://linuxtracker.org/download.php?id=7e41d66e7d60be061bf26b0f46bd2f7a3cc5cda0&f=EB4%20Beta%20ISO.torrent

Tramite Unetbootin si ottengono queste opzioni di boot:

  • Default
  • Help
  • oem=OEM install (for manufacters)

Il boot avviene con un pulsante colorato (con arcobaleno) al centro dello schermo. Questo è il nuovo logo che rappresenta questa distribuzione.

A 1:12 dal via (28 secondi meno della versione precedente) il desktop è pronto all’uso e una schermata ci avvisa che è stata trovata una memory card con foto all’interno.

Si tratta in questo caso della seconda pen drive che uso nel portatile per salvare gli screenshot che poi vedete su queste pagine 😉

Tornando allo schermo, possiamo vedere una suggestiva immagine di sfondo, alcune icone alla sinistra e in alto il classico pannello Gnome, contenente:

  • Applicazioni
  • Luoghi
  • Sistema
  • Bluetooth
  • Rete
  • Mixer audio
  • Modalità funzionamento CPU
  • Orologio/calendario
  • Look screen

Nella parte bassa dello schermo è presente un menu a scomparsa contente programmi direttamente avviabili:

  • Firefox
  • Openoffice Writer
  • Openoffice Calc
  • Visualizzatore documenti
  • Gimp
  • CLC media players
  • Spegnimento

La barra superiore ha una altezza perfetta per il netbook, condita da colorazione che rende molto leggibile gli strumenti presenti.

Altrettanto bene si presentano le icone e le scritte nei menu: indubbiamente il lavoro per rendere l’utilizzo agevole nel netbook si vede perfettamente già da questi particolari 🙂

Il software presente non è moltissimo, ma copre l’utilizzo tipico del netbook: internet, multimedia, grafica, presentando un solo programma per ogni attività possibile.
Non c’è invece un programma per vedere la propria webcam (almeno non sembra inserito nei menu).

Quanto alla stabilità non ho trovato nessun problema durante l’utilizzo, pur trattandosi di una prima beta e il sistema potrebbe già così essere usato in maniera definitiva.
L’unico inconveniente verificatosi è che durante lo spegnimento lo schermo diviene nero, ma il pc rimane con la luce di alimentazione accesa e bisogna ricorrere al pulsante di spegnimento per completare l’opera 🙁

Devo dire che provando questa distribuzione si sperimenta un connubio perfetto col netbook e il lavoro per differenziare questo prodotto da Ubuntu è notevole.

Attendo perciò di sentire le vostre opinioni dopo le vostre prove, ma se la beta è già così, Eeebuntu 4.0 potrebbe essere la distro definitiva che piazzo sul netbook pur avendo Gnome e non KDE!

, ,

Subscribe

Subscribe to our e-mail newsletter to receive updates.

3 Responses to “Eeebuntu 4.0 beta1: sarà questa la distribuzione killer per i netbook?”

  1. capitanfuturo Says:

    Non conoscevo il blog, complimenti molto interessante: ho un 701 4G e penso che ci darò una letta più spesso. Volevo solo farti un appunto: la eeeBuntu 4.0 non è basata su Ubuntu ma sulla Debian Unstable come dichiarato dal forum ufficiale http://forums.eeebuntu.org/viewtopic.php?f=25&t=4492 questo perchè la Canonical sostanzialmente non ha dato risposta a diverse segnalazioni fatte dal team di eeeBuntu.

    A presto

  2. vinsurf Says:

    Esatto, è basata su Debian unstable, cosa che la rende davvero interessante.

  3. ice00 Says:

    Grazie per le correzioni.
    Ero rimasto alla prima volontà emersa di non essere uguali ad Ubuntu subito sopo la release della 3.0, pur mantenendo la base Ubuntu.

    Effettivamente con Debian Unstable la cosa si fa ancora più interessante 🙂

Leave a Reply