Crea sito
RSS

Jolicloud pre beta: un altra distro cloud per i netbook

28 Febbraio 2010

Gnome, Jolicloud

jolicloud-64

Jolicloud è un sistema operativo basato su Linux e Gnome nato espressamente per supportare i netbook, pertanto è ottimizzato per l’hardware tipico dei netbook.
Inoltre nasce per essere sempre connessi alla rete, abbracciando la filosofia Cloud (la stessa che avrà Google Chrome).

Attualmente è stata rilasciata una pre-beta di 602MB disponibile col seguente torrent http://www.jolicloud.com/download/jolicloud-iso-torrent.

Come sempre si può ricorrere ad Unetbootin per creare l’immagine su pen drive ed ottenere queste opzioni di boot:

  • Default
  • Try Jolicloud without any change to your computer
  • Inslall Jolicloud
  • Check CD for defects
  • Test Memory
  • Boot from first hard disk

Il boot avviene con una schermata grafica con un netbook disegnato sullo sfondo, una dicitura di benvenuto al centro e una barra di avanzamento in basso: il tutto è molto gradevole.
A 1:26 dal via appare la schermata del desktop che è il classico vecchio Netbook Remix, con le tre colonne, di cui quella centrale per avviare i programmi.

Quello che forse lascia un pò perplessi è la mancanza di una colorazione dello sfondo che è lasciata nera: potrebbe trattarsi del fatto che questa è solo una beta, oppure è semplicemente una loro scelta stilistica, in fin dei conti le icone sono disegnate perfettamente e pertanto ottimamente visibili.

Per quanto riguarda ai programmi installati essi sono:

Accessori:

  • Calcolatore
  • Analizzatore utilizzo disco
  • Jolicloud USB creator
  • Password
  • Screenshot
  • Terminale
  • Editor testo

Grafica:

  • F-Spot Photo Manager

Internet:

  • Facebook
  • Firefox
  • My Jolicloud
  • Pidgin
  • Transmission bittorrent

Office:

  • dizionario

Sound Video:

  • Movie Player
  • Sound Recorder

Preferenze e Amministazione:

  • una marea di voci molto ben organizzate

Tranne la parte di amministrazione, i programmi non sono molti, ma del resto se la distro è orientata al Clound computing, i programmi risiederanno sul server.

Il comportamento delle finestre è quello di aprirsi a pieno schermo e l’utilizzo dell’icona in alto a sinistra è essenziale per aprire gli altri programmi.

Per il resto questa distro, allo stato attuale, non ha molto da offire di più di una Ubuntu Netbok Remix o Easy Peasy, se non per il fatto che come Chrome punterà sui servizi Cloud.

, , , ,

Subscribe

Subscribe to our e-mail newsletter to receive updates.

No comments yet.

Leave a Reply