Crea sito
RSS

Il gioco 3D Tremulous su Xandros

25 Aprile 2009

3D, SSD, Xandros

xatremulous-64

Avevamo già provato il gioco 3D Tremulous tramite i pacchetti deb presenti su Eeebuntu e avevamo detto che possono essere installati anche sulla Xandros.

Per salvaguardare lo spazio sul disco principale da 4GB, possiamo utilizzare però un altro sistema di installazione, per usare il nostro spazio su home che si trova sul secondo SSD da 16GB.

Infatti, come la maggior parte dei programmi in ambito Unix, le informazioni personalizzate vengono salvate sempre su una directory locale nella home di chi esegue il programma e queste prevalgono su quelle globali installate nel sistema.
Tremulous pertanto, crea la directory nascosta .tremulous nella propria home dove salva le impostazioni ed eventuali download effettuati (quali nuove mappe o mod).
L’idea è pertanto quella di installare Tremulous direttamente in questa directory, assumendo quindi che saremo l’unico utente che lo utilizzerà nel sistema (daltronde il portatilino normalmente sarà utilizzato proprio senza un login e multiutenza).

Ci serve pertanto scaricare una versione di Tremulous in formato binario per architettura i386: http://sourceforge.net/project/downloading.php?group_id=14890&filename=tremulous-1.1.0-installer.x86.run&a=12592527

Eventualmente possiamo optare anche per http://linux.softpedia.com come sito alternativo di download

Usando Firefox, ci troveremo pertanto il file scaricato sul desktop. Per installarlo ricorriamo alla console:

cd Desktop
chmod +x tremolous-1.1.0-installer.x86
./tremolous-1.1.0-installer.x86

Il programma ora ci presenta delle scelte (in grassetto la risposta da inserire):

  • In esecuzione su un computer x64 con glibc-2.1 OK
  • Ci viene mostrato il contratto di licenza EXIT
  • Accettare il contratto SI
  • Immettere il percorso di installazione (default /use/local/games/tremulous): /home/user/.tremulous
  • Installare i collegamenti simbolici a una directory del percorso SI (default /user/local/bin): /home/user/Desktop
  • Scegliere le opzioni da installare (default su Componenti tremulous) OK
  • Componente Default: lasciare la spunta si Tremulous Base Install OK
  • Installare le voci del menu avvio SI

In pratica sul desktop ora ci compare un link al programma eseguibile del gioco, installato in locale. Non ci sono le voci di avvio, a meno che non eseguiate l’installazione come root tramite sudo.

Se adesso volete inserire nuove mappe che trovate cercando su internet (hanno estensione .pk3) e installarle nel sistema, la cosa è semplicissima: dovete copiare il file all’interno di /home/user/.tremulous/base
Esiste però un modo semplice per installare una marea di mappe utilizzando una applicazione Java dal sito italiano di Tremulous:
http://www.capponcino.it/tremulous/dl/sentenza_map_dwl/Applet.html

Si tratta di un applet (ma c’è anche la versione standalone) che controlla le mappe installate con quelle disponibili e permette il download (anche parziale con recupero dal punto interrotto) di quelle mancanti nel sistema.

Va accettato di eseguire il contenuto proveniente dal sito, altrimenti l’applet non sia avvia. Ora compare un pulsante nel browser da aprire. Una volta premuto ci compare la finestra principale che ci propone la directory base di Tremulous per le mappe (possiamo cambiarla, ma è già corretta).

Con Start Update, si aziona lo scarico delle mappe che può durare parecchio a seconda della vostra velocità di connessione e delle mappe da scaricare (le mappe più grandi arrivano a 20MB)
Volendo, con Select maps, potete vedere lo stato delle mappe e scegliere quali scaricare. Vi viene chiesto se scaricare la dimensione delle mappe (consigliato), poi col pulsante Check local maps, potete verificare lo stato delle mappe, che possono essere mancanti, aggiornate, o sbagliate.

Ora attivate Tremulous e nelle opzioni abilitiamo l’auto download. Questo, oltre che scaricare le mappe che non abbiamo, può scaricare dei mod, ovvero delle modifiche al gioco originale.

I server che maggiormente utilizzo per giocare sono:

  • The WINE BAR is open: 87.117.196.150:30720 (26 giocatori max)

Ha una soglia di ping accettato bassissima (<100 credo) e non sempre si riesce ad entrare, ma quando si entra è ottimo.

  • I.T.A. Prolinux – Power: 81.174.67.225:27100 (16 giocatori max)

Server italiano frequentato da molti italiani, per cui potete parlare in italiano e non in inglese. Ha a catalogo delle mappe molto belle che non tutti gli altri server hanno. Non permette di usare lo share tra i compagni, perciò gli evo/punti che usate ve li dovete guadagnare e non potete donarli

  • Tremulous 1.1.0 Server: vary (24 giocatori max)

Ci sono molte versioni di questo server, non frequentatissimo, ma ho fatto anche qui delle ottime partite

  • o8DretchStorm: 74.52.14.98:30720 (24 giocatori max)

Quello che utilizzo maggiormente. Ha una Sudden Death (morte improvvisa) impostata sui 20 minuti (contro i 30/35 degli altri server) e i build point (punti per costruire) sono minori che sugli altri server.
Questo server per limitare il tempo di gioco su una mappa. Inoltre non c’è l’Extreme Sudden Death (come negli altri), dove ottenete il massimo dei crediti, ma i nodi/uova di generazione sono distrutti in automatico (così se morite siete ou)t, ma lc’è a Rampage.
Qui, tutti i nodi/uova e anche il reattore/overmind sono distrutti, per cui non potete più evolvere e dovrete sopravvivere anche senza che l’energia si ripristini. Nel caso in cui si vado oltre con il tempo senza che nessuno vinca, invece di esserci il Time Limit Hit (dove la partita termina) si arriva alla Total Annihilation: qui l’energia di tutti i contendenti cala automaticamente e vince chi aveva risparmiato più energia.

  • TremSpain: 74.47.88.170:27940 (26 giocatori max)

Server per la lingua spagnola (ma si parla anche italiano). Anche in questo caso la Sudden Death è a 20 minuti, ma i build point sono normali. Ci ho giocato tantissimo anche perchè ha parecchie mappe attive (è capitato che per qualche weekend siano state attivate oltre le 50 mappe nella rotazione).

  • PornServer: 91.121.159.48:30725 (58 giocatori max)

Al dilà del nome fuorviante si tratta di un ottimo server e sempre molto frequentato. Usa dei mod, in particolare il sistema di punteggio non è basato sui kill, ma proprio su punti.

  • FunFunFun: 67.163.190.79:32123 (32 giocatori max)

Anche se poco frequentato qualche partita qui è avvenuta con successo

  • Skittles: 76.79.196.222:30725 (27 giocatori max)

Ottimo server e anche frequentato, solo che il ping è mediamente un pò alto nel mio sistema

  • |Kor| Korx: (Tremx) 64.92.167.138:30800 (22 giocatori max)

In realtà sono più server e usano il mod Tremx. E’ un mod che cambia moltissime regole e introduce nuovi armamenti e alieni (nonchè l’invisibilità).  E’ un pò difficile ambientarsi quando si è abituati al classico, per via del comportamento differente, ma ogni tanto ciò non guasta

In ogni caso ci sono altre 210 server attivi che gestiscono il gioco (in alcuni ci sono gli alieni o gli umani che sono comandati dall’IA del server e servono per fare pratica), per cui non c’è che scegliere.

Consiglio chi volesse fare pratica come builder o di esplorare le mappe, di partire con un server non frequentato e usare quello per le prove.

, ,

3 Responses to “Il gioco 3D Tremulous su Xandros”

  1. ice00 Says:

    proprio oggi mi è capitato di giocare una partita dal pc fisso contro una persona che stava combattendo da un eepc 901 e se la cavava molto bene 😉

  2. fabio Says:

    ma il 701 non ce la fa?

  3. ice00 Says:

    Tecnicamente per Tremulous serve sia una scheda grafica potente (avendo effetti grafici 3D alla Quake), che un processore veloce per gestire tutta la logica degli elementi standard presenti in uno scenario di gioco.

    Sotto certi aspetti si dice che il processore Celeron del 701 sia potente tanto quanto l’Atom del 901 (al dilà dei consumi energetici e hyper-treading del’Atom). Il chip grafico del 901 dalle specifiche non è così potente, pertanto penso che quello del 701 sia quasi equivalente, quindi un tentativo sul 701 di giocarci sarebbe da tentare…

Leave a Reply