Crea sito
RSS

Ubuntu 10.10 Netbok Edition: un passo avanti e uno indietro

7 Novembre 2010

Gnome, Ubuntu

ubuntu-64

La versione netbook di Ubuntu 10.10 riserva delle sorprese: da un lato c’è un passo avanti, ma dall’altro ce n’è uno indietro perchè riporta il desktop alla stessa concezione di Xandros. Non cè da spaventarsi però, perchè le differenze ci sono in favore di una maggiore usabilità del sistema.

La versione ISO di 695MB può essere scaricato dal seguente mirror:  http://mirror2.mirror.garr.it/mirrors/ubuntu-releases/maverick/ubuntu-10.10-netbook-i386.iso?callback=mir5

Tramite Unetbootin otteniamo le opzioni di boot (identiche a quelle desktop) per pen drive:

  • Default
  • Help
  • try Ubuntu Netbook without installing
  • Install Ubuntu Netbook
  • Check disc for defects
  • Test memory
  • Boot from forst hard disk

La procedura di boot è identica alla versione desktop e si conclude in 1 minuto e 6 secondi.

Il desktop invece, si presenta molto rivisto rispetto alla sua ultima apparizione, pur mantenendone la filosofia di base.
Abbiamo la barra di stato in alto con le classiche icone system-tray, mentre fa capolino una nuova barra subito sotto in cui compare una funzione di ricerca, e che si riempirà di altri menu durante l’utilizzo.
La parte centrale è ora adibita alla scelta delle applicazioni divise per gruppo:

  • Web
  • Music
  • Photos & Videos
  • Games
  • Email & Chat
  • Office
  • Files & Folders
  • Get New Apps

Questo ricorda praticamente l’easy mode di Xandros, dato che ora il menù a sinistra contiene dei link alle singole applicazioni di rapido accesso, mentre quelli centrali danno accesso ai sottomenù tematici.

Il menu a sinistra è scorrevole verticalmente e contiene ottime animazioni e suggerimenti contestuali che abbelliscono il desktop.

Le applicazioni aperte prendono posto all’interno dello spazio del pannello centrale e hanno i pulsanti di chiusura posti a sinistra, come nella versione desktop.

Tutto sommato la nuova disposizione richiede poco tempo per prenderne dimestichezza nell’uso, anche per il fatto che i link a sinistra permettono in ogni caso di scavalcare il fatto di dover passare per quello centrale per aprire le macro aree.
Ad esempio, mentre dalla parte centrale possiamo svegliare tra Office e Games, a sinistra possiamo andare direttamente su aplicazioni e da li scegliere nel menù in alto la categoria appropriata.

Le applicazioni installate rispecchiano quelle della versione desktop ed in particolare ci sono tutte le ottime voci di amministrazione del sistema che sono in dote a Gnome.

La prova su macchina virtuale ha dato problemi perchè alla fin fine (dopo un messaggio di errore) ha chiesto il login (utente ubuntu e password nulla) e si è caricato l’ambiente Gnome classico.
L’installazione è identica alla versione desktop, ma purtroppo anche il sistema installato continua ad aprirsi in modalità desktop.

In definitiva l’Ubuntu Netbook Remix ha subito un nuovo restyling che cerca di massimizzare l’area offerta alla applicazioni e nel contempo offre un menù di navigazione adatto sia a nuovi utenti che a utenti un pò più esperti.

Netbook
Dim. Immagine 695 MB
Tempo boot pen 1:06 sec.
Fn+F1 (sospensione) si
Fn+F2 (wireless) sembra non funzionare
Fn+F3 (lum. dn) si
Fn+F4 (lum. up) si
Fn+F5 (monitor) ?
Fn+F6 (task manager) no
Fn+F7 (audio on/off) si
Fn+F8 (audio dn) si
Fn+F9 (audio up) si
Tasto illuminazione si
Tasto risoluzione no
Tasto personalizzato 1 no
Tasto personalizzato 2 no
Ethernet si
Wifi Riconosciuto (ma va testato)
Bluetooth si
Audio si
Webcam si
Touch pad con 2 dita si (ma va abilitato)
Controllo prestazioni CPU funzione non visibile se presente
1024×600 si
Sospensione si
Ibernamento non presente
PC virtuale
Tempo boot ISO 1:22 sec.
Tempo installazione HDD 8:02 sec.
Tempo boot da HDD 45 sec.
Spazio occupato 1,8 GB
, ,

Subscribe

Subscribe to our e-mail newsletter to receive updates.

7 Responses to “Ubuntu 10.10 Netbok Edition: un passo avanti e uno indietro”

  1. Marcello Anderlini Says:

    sbagliero’ sicuramente qualcosa Io, pero’ io non sono riuscito a farsi che una volta aperto il programma questo andasse sopra la barra di sinistra. In questo modo si perde molto spazio orizzontale.

  2. ice00 Says:

    Neanche a me si apre sopra questa barra. Penso sia voluto per avere sempre accessibile i menu veloci che li sono presenti.

    E’ probabile che sia comunque possibile aprire una finestra in modalità sganciata dall’area centrale (così da avere due fienstre aperte in contempoaranea), solo che non ho fatto prove al riguardo 🙁

  3. Secret Niche Says:

    Ciao,

    io l’ho installato sull’Acer aspire one ma mi pare che ogni tanto si incanta senza motivo…
    Tra l’altro, qualcuno sa come si fa far funzionare il tool SDK Androi su Ubuntu Netbook Remix 10.10?
    Dicono che basti aprire il file “android” all’interno della cartella “Tools”, ma a parte visualizzarsi nell’editor, non succede nulla.

    Saluti,

    SN

  4. Divitiae Squares Says:

    Ciao,

    come si fa ad avere i diritti di Super User su Ubuntu Netbook Remix 10.10?

    Grazie!

    DS

  5. ice00 Says:

    >Tra l’altro, qualcuno sa come si fa far funzionare il tool SDK Androi su Ubuntu Netbook Remix 10.10?

    L’SDK di Android (http://developer.android.com/sdk/installing.html) è un tool per sviluppatori che richiede sia installato sia Java 1,6 che Eclipse con relativi plugin, non so se il programma che tenti di eseguire è questo o un altro.

    >come si fa ad avere i diritti di Super User su Ubuntu Netbook Remix 10.10
    sudo bash

    ti apre una finestra con permessi di super utente (se non ricordo male, nella modalità live la password è settata ad ubuntu)

  6. Luk Says:

    Trovo l’interfaccia Unity molto carina e interessante, tuttavia rigida dopo pochissimo ho iniziato a trovarla troppo restrittiva e claustrofobica e ho preferito tornare alla modalità desktop classica. Resta, cmq, una modalità da tenere sott’occhio per il futuro.

  7. ice00 Says:

    Forse queste interfacce saranno maggiormante apprezzate nel momento in cui si utlizzano dispositivi toach screen. Però penso che ci siano ancora margini di miglioramento nell’usabilità che potranno essere implementati in futuro.

Leave a Reply