Crea sito
RSS

Ubuntu 10.10 Maverick Meerkat: fantastica l’installazione, ma non solo…

1 novembre 2010

Gnome, Ubuntu

ubuntu-64

Dopo le vicessitudini scorse nell’installazione della Iso su pen drive, finalmente Ubuntu 10.10 in versione desktop, ha visto la partenza nel netbook. Le mie aspettative riposte in questa nuova versione sono molte, pertanto è d’obbligo una prova completa del sistema 😉

E’ possibile scaricare il torrent di 693MB da: http://releases.ubuntu.com/maverick/ubuntu-10.10-desktop-i386.iso.torrent

Attenzione: per produrre l’immagine ISO su pen Drive è indispensabile scaricare l’ultima versione di Unetbootin disponibile, altrimenti si otterrà un sistema non avviabile.

Le opzioni di boot sono molte:

  • Deafault
  • Help
  • Try Ubuntu without installing
  • Install Ubuntu
  • Check disc for defects
  • Test memory
  • Boot from first hard disk

Il boot avviene con il logo grafico di Ubuntu e 5 punti lampeggiati quali indicatore di avanzamento. Nonostante un errore relativo a X apparso quando lo schermo era nero, dopo 1 minuto  e 12 secondi il sistema è pronto.

Il desktop è pressochè identico alla versione precedente, e anche lo sfondo non è molto dissimile.

In effetti l’unica differenza che si avverte a guardar bene è nei font, dato che ora vengono utilizzati gli Ubuntu Font Family, molto leggibili sul display del netbook.

Altra novità che si vede è nel Ubuntu Software Center. Qui ora ci sono le due schede “Features” e “What’s New” che ciclicamente mostrano in anteprima il nuovo software disponibile.

Sotto il cofano invece, è in esecuzione il Kernel 2.6.35 e Gnome 2.32.

Altra novità è lo store di Ubuntu One che viene proposto, ad esempio, tra gli altri disponibili per acquistare musica direttamente dal player Rhythmbox.

Le applicazioni installare nella live sono rimaste pressochè immutate:

  • Giochi Gnome
  • F-Spot Photo Manager
  • Evolution (client mail)
  • Empathy (client chat)
  • Firefox (web browser)
  • Shotwekk Photo Manager
  • Gwibber (client sociale)
  • Transmission (client bittorrent)
  • Connessione remota desktop
  • OpenOffice (suite office)
  • Brasero (masterizzatore)
  • Movie Player (player multimediale)
  • Pitivi video editor (editor video)
  • Rhythmbox (player audio)

L’installazione su macchina virtuale ha evidenziato come venga chiesto se si vuole installare gli aggiornamenti durante l’installazione o meno (nella prova non ho scaricato gli aggiornamenti).
Un altra cosa positivissima, è l’uso del multitasking durante l’installazione (ma perchè nessun altro ci ha pensato prima?).
Mentre vengono copiati i files di installazione, il sistema ci chiede il fuso orario, tastiera e utente e password di accesso. All fine risparmiamo qualche minuto di tempo.

In definitiva la prova è stata molto positiva e l’Ubuntu Software Center penso che possa ormai competere alla grande contro l’analogo programma di Linux Mint.

Netbook
Dim. Immagine 693 MB
Tempo boot pen 1:12 sec.
Fn+F1 (sospensione) si
Fn+F2 (wireless) sembra non funzionare
Fn+F3 (lum. dn) si
Fn+F4 (lum. up) si
Fn+F5 (monitor) ?
Fn+F6 (task manager) no
Fn+F7 (audio on/off) si
Fn+F8 (audio dn) si
Fn+F9 (audio up) si
Tasto illuminazione si
Tasto risoluzione no
Tasto personalizzato 1 no
Tasto personalizzato 2 no
Ethernet si
Wifi Riconosciuto (ma va testato)
Bluetooth si
Audio si
Webcam si
Touch pad con 2 dita si (ma va abilitato)
Controllo prestazioni CPU funzione non visibile se presente
1024×600 si
Sospensione si
Ibernamento non presente
PC virtuale
Tempo boot ISO 1:25 sec.
Tempo installazione HDD 9:49sec.
Tempo boot da HDD 27 sec.
Spazio occupato 1,8 GB
, ,

Subscribe

Subscribe to our e-mail newsletter to receive updates.

14 Responses to “Ubuntu 10.10 Maverick Meerkat: fantastica l’installazione, ma non solo…”

  1. ANDE Says:

    Ma perchè scaricare da torrent?
    Solo per il vantaggio di velocità b?

    -grazie per la reply-

  2. ice00 Says:

    Ci sono diversi vantaggi nell’uso del torrent, sia per chi fornisce l’ISO che per chi la scarica.

    Per il fornitore, fornire un file da più di 600MB come link diretto, significa dover offire una banda in download molto elevata per poter sostenere lo scarico di molte persone in contemporanea. Questo implica costi in hardware e rete molto alti, altrimenti c’è il rischio che chi prova a scaricare l’ISO si trova una velocità di scarico bassissima e/o un errore del server su risorsa non disponibile.

    Col torrent, chi scarica è a sua volta fornitore dell’ISO, il che significa che parte del carico di lavoro viene dato agli utilizzatori, gravando quindi meno sul server. Inoltre, più persone scaricano l’immagine e meno probabilità c’è di non avere la risorsa disponivile, come succederebbe invece scaricando da un unico server.

    L’altro vantaggio è che possiamo fissare un limite di download/upload del torrent che stiamo scaricando, così da non intasare la nostra linea internet.

    Se abbiamo, ad esempio, una banda da 1M, possiamo dedicare 512kb per i torrent e avere il resto adibito alla navigazione normale (diversamente potremo avere dei rallentamenti se diamo tutta la banda al file cui stiamo scaricando).

    Lo svantaggio è che quando ci sono poche persone che scaricano il torrent, è più difficile riuscire a scaricarlo rispetto ad un link diretto. E’ per questo che è ideale per l’immagine ISO: al rilascio ci sarà il 99% delle persone che scaricano la nuova distribuzione, mentre 6 mesi dopo la percentale sarà dell’ 1%, visto che nel frattempo starà uscendo la nuova versione.

  3. ANDE Says:

    CONOSCO i .torrent e relativi pro/contro, solo che pensavo il tuo link fosse una versione moddata.

    (tu non sai niente per problemi d’installazione con Ubuntu 10.10? Sia da USB Pen che da CD ho problemi)

  4. ice00 Says:

    No, il torrent è quello standard.

    Ho eseguito solo l’installazione su macchina virtuale e non ho avuto problemi.

    Gli unici appunti che posso fare è solo relativo a Grub2 su sistemi datati, con dischi SCSI in RAID hardware.
    L’installazione du Ubuntu 10.04 server su questo hardware (del 2003) ha dato problemi col bios prima del caricamento del bootloader.

    Il problema si è risolto utilizzando una partizione di boot in formato EXT2 al posto di EXT4 che era predefinito per tutto il sistema.

    Però per il tuo caso servono più informazioni sul problema che hai per l’installazione

  5. ANDE Says:

    Formattazione procede liscia, dopo il messaggio “La formattazione è stata completata” da una finestra NERA:

    1. prima la scritta “Checking to kill ultimate processes” con sulla destra [Fail]
    2. e dopo una serie lunghissima di “[ 2968.757285 ] end_request: I/0 error491607”
    3. sia da USB Pen/CD con le 2 o 3 opzioni di F6 nolapic-noapic-acpi=off
    4. sia dopo un “zerofilling” e da una eliminazione totale delle partizioni con GParted Live

  6. ice00 Says:

    Se ho capito bene, l’installazione si interrompe subito dopo la formattazione del disco e non inizia nemmeno a copiare i files di installazione (il che mi fa pensare ad un problema relativo al disco rigido).

    Io proverei ad aprire una console vistuale (prova ALT+F1, o ALT+F2, o ancora CTRL+ALT+F2, finchè ti appare un login). Entra con utente ubuntu e password nulla, poi controlla l’output con
    more /var/log/message

    dei messaggi del kernel. Magari da questo si vede più in dettaglio se c’è un errore specifico.

  7. ANDE Says:

    GRAZIE intanto per la cortesia:

    – l’HD “va” bene perchè Ubuntu 8.10 s’installa regolare e con XP avevo fatto i controlli hardware con HD Tune

    IL MIO PROBLEMA (forse intrepreto male la tua reply):

    1. l’installazione procede liscia, scelgo la partizione, imposto Fuso Orario, tastiera e copia tutti i dati
    2. fine-setup ricevo il messaggio [L’installazione è stata completata] e quando do l’ok, cominciano i problemi
    3. è il momento pre-riavvio del sistema, qua il PC si blocca e quando premo un pulsante si riavvia e alla schermata LOGIN ubuntu li tutto bloccato

  8. ice00 Says:

    Io proverei sempre a vedere i messaggi di log del kernel su una console virtuale.
    Durante l’installazione, prima che finisca la copia e dai ok (che poi c’è il problema), vai su una console testuale (tipo con CTRL+ALT+F2) e guarda il log (/var/log/messages). Se già qui trovi dei messaggi di errore, potrebbe indicare il problema che si verifica alla pressione di OK. Se non ci fosse nulla, torna in modalità grafica (ALT+F1 o ALF+F7), dai OK, poi prova se riesci a tornare in console (mi sembrà però di capire che in questo punto sia tutto bloccato).

    Stessa cosa sarebbe da tentare anche al avvio successivo, anche se sembra che quando arrivi al login sia già bloccato (e quindi hai troppo poco tempo per guardare il log).

    Altro tentativo, partire con Puppy (o una qualunque live) e guardare i log su /var/log/message (del disco del pc) dopo che hai avviato il sistema e si è bloccato.

    Quando installi Ubuntu esegui anche il download automatico degli aggiornamenti o no?

  9. ANDE Says:

    a) niente anche con XUBUNTU cd 10.10:

    1. tutti OK per il “killing processes”
    2. ma dopo mi da la solita lista “2968.757285 ] end_request: I/0 error491607”

    b) LE MIE PROVE D’INSTALLAZIONE:

    3. CON o SENZA il download automatico degli aggiornamenti
    4. PRIMA e DOPO il “zerofilling” da Ubuntu 8.10 (installato correttamente)

    c) i tuoi consigli:

    5. NON ho provato prima della fine installazione con la CONSOLE RIPRISTINO
    6. ma ora dalla LIVE da terminale (dopo che il PC s’è bloccato) non mi da NESSUNA DIRECTORY col comando —> /var/log/message
    7. se dalla scrivania della LIVE vado sulla CONSOLE RIPRISTINO non riesco a digitare i simboli —> /

  10. ice00 Says:

    Scusa, il comando completo per vedere i log da console è:

    more /var/log/message

    o in alternativa

    less /var/log/meggage

    se non trovi il tasto / (perchè avrà caricato la tastiera inglese) io di solito vado a tentativi usando i tasti sopra 1..0, oppure quelli a destra con i caratteri accentati e simboli di punteggiatura, finchè non lo becco.

    Se per caso è attivo il servizio del mouse sulla console, potresti provare a copiare/incollare il catattere tramite mouse prelevandolo dopo il comando
    ls
    sulla cartella corrente

  11. ANDE Says:

    a) dalla CONSOLE DI RIPRISTINO non è attivo il servizio mouse:

    a1. su Google ho trovato il comando “gpm” per attivarlo
    a2. ma se da terminale l’ho installato
    a3. dalla console di ripristino ricevo il messaggio:
    ” gpm.oops ( ): [daemon/startup.(569)]: you should be root to icvn GPM!

    b) comunque i due comandi gli ho scritti correttamente (il simbolo “/” era sul tasto “_” underscore):

    b1:. da terminale mi da:
    “nessun file o directory
    il terminale non funziona correttamente”
    b2. dalla CONSOLE DI RIPRISTINO solo “nessun file o directory”

    PS:
    da Google con diverse ricecerche pare problema kernel, provo una versione antecedente 10.04 o inferiore?
    🙁 + :@

  12. ice00 Says:

    Alcuni messaggi di errore protrebbero essere dovuti al fatto che su ubuntu non si è mai super utenti (e penso che questa regola valga anche in console di ripristino), pertanto bisogna sempre elevare i privilegi usando il comando sudo per lanciare comandi con privilegi di root.

    con:
    sudo bash
    apri una shell super-utente

    da cui puoi dare il comando
    more /var/log/message

    in alternativa, si può fare in un unico comando:
    sudo more /var/log/message

    Però se hai visto che possono essere problemi di kernel, l’unica è avere un nuovo kernel che abbia un fix per esso. Penso sia probabile che installando la distro con gli aggiornamenti in nuovo kernel venga installato (non appena sia disponibile sui repository di bug fix), mi rimane però il dubbio che, nel momento in cui termina l’installazione, il kernel in uso è quello vecchio, da cui ci sarà sicuramente un blocco (ma alla ripartenza caricherebbe il kernel nuovo).

    Indubbiamente se installi la versione 10.04 con kernel inferiore non dovresti avere problemi (altrimenti si tratterebbe di un bug che dura da più di 6 mesi, il che è molto improbabile)

  13. GioPol Says:

    Ciao a tutti

    Ho provato in live ubuntu 10.10 remix per netbook, caricata in una pen drive e devo dire che funziona benissimo. Vedo qui sopra però che installate la vesione desktop, gira tranquillamente anche quella ? su un 900 con 1 GB ram. Inoltre vorrei sapere se può bastare una SD da 4 GB per installare ubuntu perchè quando ho provato a installarlo ( su una macchina virtuale ) e ho lasciato tutto default mi è risultato un HDD da 21 GB .

  14. ice00 Says:

    ciao,
    considera che la prossima versione di Ubuntu Desktop userà in realtà il motore grafico della Netbook, per cui la Netbook scomparirà e ne rimarrà solo una. Quindi se installi la Desktop, con l’aggiornamento alla prossima versione avrai praticamente il motore grafico della Netbook.

    In ogni caso ci gira anche la versine Desktop ugualmente, l’unica differenza tangibile è che non hai la visualizzazione tipica per Netbook, ma la classica Gnome.

    Un conto è la dimensione dell’hardisk vistuale che ti crea la macchina virtuale e un altro è lo spazio che occupa il sistema installato (che puoi vedere col comando ‘du’ da console). Se vedi, una installazione dalla live occupa 1,8GB. Poi se ci installi qualche altro programma potrai crescere tranquillamente di un altro GB senza problemi.

Leave a Reply